Celiachia: i ricercatori lavorano su una pillola e un vaccino

0
2266
Celiachia: i ricercatori lavorano su una pillola e un vaccino

Al giorno d’oggi, l’unico trattamento per la celiachia è evitare il glutine per il resto della propria vita ma i ricercatori pensano che lo sviluppo di una pillola o un vaccino, in grado di trattare la malattia, non sia lontano.

Pensiamo a una vita senza dolci appena sfornati, la pizza o bere una birra tra amici. Per le persone celiache , questi tipi di alimenti causano gonfiore e possono dar luogo a costipazione o diarrea.

La celiachia è causata dalle reazioni del corpo alle proteine presenti nel grano, nell’orzo e nella segale.

Quali sono gli studi in corso sullo sviluppo di una pillola o un vaccino contro la celiachia?

Quasi 30 diverse compagnie farmaceutiche stanno lavorando intensamente per sviluppare una pillola o un vaccino contro la malattia. Se i loro sforzi avranno successo, un celiaco potrebbe assumere una pillola con enzimi che digeriscono il glutine, prima di mangiare cibi che normalmente darebbero loro problemi, come la pizza.

Un’altra opzione potrebbero essere iniezioni di glutine, con l’idea che il il sistema immunitario, alla fine, impari a capire che il glutine non è un pericoloso invasore.

Lo studio norvegese

Lundin, un gastroenterologo, e Sollid, un immunologo, hanno lavorato a stretto contatto per porre le fondamenta di quel che noi sappiamo sulla malattia.

Quando hanno iniziato a studiare la malattia per la prima volta, a metà degli anni ’80, ne sapevano relativamente poco.

Alla fine degli anni ’80, Sollid aveva scoperto quali geni fossero  coinvolti. Successivamente, i ricercatori hanno scoperto i meccanismi di come la malattia colpisce il corpo. Oggi sanno anche a quali componenti della celiachia rispondono e quali sono le cellule del sistema immunitario coinvolte nella malattia.

Conoscere la celiachia serve anche a comprendere altre malattie autoimmuni

L’anno scorso, i ricercatori hanno scoperto che le stesse cellule immunitarie che rispondono al glutine nella celiachia sono state trovate in pazienti con altre malattie autoimmuni.

Questo è vero per l’artrite, la sclerosi multipla, il diabete di tipo 1, la sclerosi sistemica e la psoriasi.

“I meccanismi immunitari sottostanti di queste malattie sono probabilmente molto simili”, afferma Sollid.

Ma la celiachia è l’unica di queste malattie autoimmuni in cui gli scienziati sanno esattamente perché

i soldati del sistema immunitario vengono convertiti in armi“: il corpo pensa che il glutine sia pericoloso.

Le cellule immunitarie che proteggono dagli intrusi sono chiamate cellule T.

Quando le cellule T attaccano, causano l’infiammazione dell’intestino tenue. Questo provoca la scomparsa dei villi intestinali. Un intestino infiammato vede compromessa la sua capacità di assorbire i nutrienti dal cibo. A lungo termine,  può causare al paziente affaticamento, carenze di ferro e calcio, che possono avere conseguenze sulla salute a lungo termine.

Perché alcune persone sviluppano la malattia e altre no?

Gli studi sui gemelli hanno dimostrato che l’incidenza della celiachia nei gemelli identici è molto alta. I geni svolgono senza dubbio un ruolo importante. Ma ci deve essere qualcosa di più. Non sei nato con la reazione immunitaria, succede quando si è esposti a qualcosa nell’ambiente“, dice Sollid.

Ma quali fattori ambientali inducono l’organismo a sviluppare la malattia?

Esistono tutta una serie di fattori ambientali che da soli significano molto poco”, afferma Lundin. Alcuni di questi fattori includono quanti cicli di antibiotici hai fatto, se hai avuto virus o se tua madre ha assunto ferro durante la gravidanza.

Molte cose hanno un effetto molto piccolo, ma è il mix di questi fattori ambientali che fa sviluppare la celiachia“, dicono i ricercatori.

Cosa significa “ipotesi igienica”?

Nel trovare la causa scatenante della celiachia, molti ricercatori fanno leva sull’ipotesi igienica.

Essa suggerisce che entriamo in contatto con molti meno tipi batteri nella nostra società, molto più “pulita ed igienica”, rispetto a qualche decennio fa.

Il nostro sistema immunitario non è più allenato come una volta e quindi può identificare sostanze come il polline e il glutine di betulla come pericolosi invasori.



Fonte:
https://sciencenorway.no/coeliac-digestion-digestive-tract/a-pill-for-celiac-disease-will-come-soon-researchers-believe/1653177

Caterina Lenti
Caterina Lenti
Giornalista