Consigli pratici per combattere la cattiva digestione

0
2370
Consigli pratici per combattere la cattiva digestione

La cattiva digestione o dispepsia è un disturbo molto comune che spesso causa dolore/bruciore di stomaco, sensazione di pesantezza, crampi e  nausea.

Per ridurre la sintomatologia sono necessari degli accorgimenti

  • evitare pasti abbondanti e irregolari (per esempio, saltare il pranzo e recuperare la cena con un’abbuffata); si consiglia quindi, di ripartire i pasti nell’arco della giornata (5 pasti al giorno), di consumare il cibo in modo regolare e senza saltare mai o ritardare eccessivamente nessun pasto; una buona abitudine è anche quella di concedersi un piccolo spuntino a metà mattina e uno a metà pomeriggio a base di frutta sia per tamponare l’acidità dello stomaco che aumenta con un digiuno prolungato, sia per evitare di arrivare troppo affamati a pranzo o a cena;
  • evitare l’associazione nello stesso pasto di troppi cibi differenti (pesce o carne e formaggi/uova);
  • masticare lentamente e a lungo il cibo, per favorire la digestione e lo svuotamento gastrico;
  • evitare la sedentarietà e il fumo;
  • bere molta acqua nel corso della giornata poiché favorisce il transito gastrointestinale;
  • evitare cibi liquidi troppo caldi o troppo freddi;
  • non mettersi seduti o coricati subito dopo i pasti, ma preferire una passeggiata per facilitare la digestione;
  • bere tisane a base di finocchio, zenzero, camomilla e limone, oppure masticare caramelle alla menta, all’anice o alla liquirizia in presenza di pesantezza e gonfiore addominale;
Maria Grazia Pugliese
Maria Grazia Pugliese
Biologa nutrizionista
Nel 2010, ho conseguito la laurea triennale in Scienza della Nutrizione. Successivamente, nel 2012, ho conseguito, sempre presso lo stesso Ateneo, la laurea Magistrale in Scienza della nutrizione. Nel 2013 ho sostenuto l’Esame di Stato, all’Università della Calabria, e mi sono iscritta nello stesso anno, all’Albo Nazionale dei Biologi e ho iniziato a frequentare corsi inerenti la nutrizione. In seguito con il tirocinio post-laurea, dapprima presso l’ambulatorio di diabetologia dell’Ospedale di Castrovillari e successivamente presso il laboratorio di analisi chimiche e microbiologiche “Ricerche Biologiche” di Castrovillari, ho ampliato la mia formazione, sia in ambito clinico – nutrizionale , sia in ambito laboratoristico merceologico. Attualmente svolgo la libera professione a Castrovillari dal 2014.