Depurare l’intestino: i consigli per farlo in modo naturale e le cattive abitudini da evitare

0
2085
Flora batterica intestinale: ecco i benefici e come ripopolarla
Credit photo: koti - Fotolia

Depurare l’intestino è alla base di una buona qualità di vita, nonché indispensabile per assicurare uno stato psico-fisico ottimale al nostro organismo. Ma come farlo? Esistono molti rimedi naturali utili a raggiungere questo obiettivo, ripristinando, oltretutto, la flora batterica amica.

Essenziale è il ruolo giocato dall’alimentazione

Consumate, dunque, ortaggi, verdure e frutti ricchi di clorofilla e magnesio, oltre che di antiossidanti.

Via libera a broccoli, spinaci, verze, cicoria, cime di rapa, rucola, lattuga, ma anche rabarbaro, ravanello, rafano, cipolle, mandorle dolci, cardo mariano, carciofo, patata, fagioli neri.

Si ad alimenti contenenti probiotici (es. yogurt e fermenti lattici), aceto di mele, acqua in abbondanza poiché l’idratazione è essenziale per depurare l’intestino. Consigliato almeno un litro e mezzo di acqua al giorno meglio se a temperatura ambiente.

Si alle prugne secche, uva e pere, note per la loro azione lassativa e tonica, così come ai fichi, alla frangola, ai semi di finocchio, ai semi di lino e ai semi di chia. Bevete a digiuno un bicchiere d’acqua e limone.

I trattamenti fitoterapici

Tra i trattamenti fitoterapici depurativi per eccellenza la senna, di cui vengono sfruttati foglie e frutti, la tintura madre di carciofo, la tintura madre di crisantello americano, la tintura madre di ananas. Molto utili anche i chiodi di garofano e l’assenzio.

In alternativa, il carbone vegetale, ottimo depurativo, acquistabile in erboristeria, farmacia e negozi di prodotti naturali, l’aceto balsamico, una gustosa tisana al timo o una tisana alla menta.

I campanelli d’allarme da non sottovalutare

Ci sono tantissimi sintomi che servono da campanelli d’allarme, indicandoci che occorre depurare il nostro organismo. Tra questi:

·         Difficoltà digestive

·         Stitichezza o dissenteria

·         Candidosi

·         Emorroidi

·         Alitosi

·         Meteorismo

·         Diverticolite

Molte malattie della pelle, come la psoriasi e la dermatite, possono dipendere da un intestino intossicato, così come diversi disturbi respiratori.

Abitudini da evitare

Attenzione alle cattive abitudini per cui mangiate solo cibi sani e non sofisticati, evitando cibi industriali, raffinati, troppo salati, un consumo eccessivo di carne rossa, optando per carne bianca (es. di tacchino o pollo), uova e pesce azzurro, ricco di omega 3 (es.sgombri, alici, salmone, sardine).

Imparate a gestire le situazioni di stress, praticate una regolare attività fisica (è sufficiente anche una camminata o dello stretching effettuato in casa). Prestate attenzione alla masticazione: il cibo ben triturato viene digerito meglio e, in questo modo, l’intestino non deve lavorare di più. Migliorando la digestione degli amidi, si previene la formazione di gas intestinale.

Occhio alla cena. Il motto “cena da povero” è sempre attuale per cui consumate un pasto serale leggero e mai a tarda ora, almeno 4 ore prima di andare a letto. Ovviamente sarebbe meglio non fumare ed evitare gli alcolici.

FONTI:

www.viversano.net

www.riza.it

Caterina Lenti
Caterina Lenti
Giornalista