Dolcificanti al fruttosio: una delle principali cause di problemi intestinali

0
995
Fruttosio
Credit: https://yourfullwellness.com/

Il fruttosio, il dolcificante utilizzato comunemente nelle bevande analcoliche e negli alimenti trasformati, è stato collegato a  diversi problemi di stomaco e ad un’alterata permeabilità intestinale.

Sebbene questo dolcificante, propriamente noto come sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio (HFC), sia stato identificato come  una delle causa “dell’epidemia di obesità” gode di una regolamentazione leggera dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, che lo ha trattato alla stregua di saccarosio e miele, consigliandone un uso moderato.

Fruttosio e fegato

I ricercatori dell’Università della California hanno scoperto che l’HFC può causare anche gravi problemi al fegato tra cui la steatosi epatica non alcolica – NAFLD  (per approfondire https://panciaesalute.it/pancia-in-forma/troppi-italiani-affetti-fegato-grasso/) . La NAFLD è la causa più comune di malattia epatica cronica nel mondo, che può portare a cirrosi, cancro al fegato e insufficienza epatica.

I ricercatori hanno scoperto che l’HFC ha una probabilità fino a tre volte maggiore del glucosio di aumentare il grasso del fegato, che può innescare la NAFLD.

Fruttosio e intestino

Il nostro sistema digestivo rilascia l’enzima fruttochinasi per abbattere il fruttosio e, a sua volta, questo riduce la produzione di proteine ​​che proteggono la barriera intestinale e il risultato è un’alterata permeabilità intestinale che non permette all’organismo di assimilare correttamente i principi nutritivi contenuti negli alimenti e genera dolori localizzati nella pancia.

Il consumo di fruttosio una volta ogni tanto non sembra arrecare alcun danno all’intestino; il processo inizia solo dopo un consumo eccessivo e a lungo termine. Ma il problema è che così tanti cibi e bevande trasformati contengono HFC e le persone non possono sempre stimare le quantità che stanno consumando.

Le fonti più comuni di questo ingrediente includono:

  • Soda: Quasi tutte le bibite contengono HFC, spesso in quantità molto elevate.
  • Succhi zuccherati: Alcuni succhi di frutta, compresi quelli che i produttori commercializzano per i bambini.
  • Dessert trasformati: I dolci confezionati, tra cui caramelle, biscotti preconfezionati, muffin e altri dessert,.
  • Frutta confezionata: Alcune salsa di mele, salsa di mirtilli, snack di frutta secca e altri snack a base di frutta.
  • Pane e cracker: Alcuni cracker, pacchetti di snack misti e pane confezionato usano l’ HFC per aumentare la dolcezza.
  • Condimenti e condimenti per insalata: Molti condimenti, anche salati come il ketchup, usano HFC come dolcificante..
  • Pasti preconfezionati: Una varietà di pasti preconfezionati, tra cui alcune pizze.
  • Granola e barrette nutrizionali: Barrette di muesli, barrette proteiche e altri spuntini presumibilmente salutari utilizzano spesso edulcoranti per migliorare il gusto.L’ HFC è uno dei dolcificanti più popolari in questi prodotti.
  • Burro di Arachidi: Molti produttori di burro di arachidi aggiungono zucchero e alcuni aggiungono HFC. 

Fonti

https://www.nature.com/articles/s42255-020-0261-2