fbpx
AlimentazionePancia in Forma

Noni e colostro: un’unione amica del nostro sistema immunitario

L’immunità aspecifica o innata è quella presente sin dalla nascita. Detta anche immunità naturale, ereditaria o costitutiva, rappresenta la prima linea difensiva. Infatti, alla nascita, il sistema immunitario non si è ancora sviluppato completamente e non è, quindi, in grado di dare risposte specifiche e selettive agli agenti patogeni. 

Che cos’è e dove si trova il Colostro?

Il colostro è un fluido pre-latteo, prodotto dalle ghiandole mammarie della madre dopo il parto. Si tratta di un concentrato di fattori proteici biologicamente attivi, in grado di proteggere e nutrire il feto nei primi giorni di vita. Contiene un’elevata quantità di anticorpi per sostenere il corretto sviluppo delle fisiologiche difese immunitarie e dell’apparato gastrointestinale del neonato. Si presenta come una secrezione giallastra e viscosa. In virtù della sua ricchezza nutrizionale, il Colostro bovino è stato impiegato attivamente in diversi ambiti clinici e anche in quello sportivo.

Cos’è il Noni

La “Morinda citrifolia L.”, più nota con il nome di Noni, è una pianta utilizzata da secoli dalle popolazioni del Sud Pacifico e recentemente valorizzata per le sue notevoli proprietà antiossidanti. In particolare, nel succo della polpa, è presente un’elevata concentrazione di proxeronina, precursore dell’enzima “xeronina” il quale, attivato a livello epatico, è in grado di esercitare un’attività antiossidante.

Valori Nutrizionali, funzioni e benefici del succo di Noni

Il contenuto del succo di Noni è da considerarsi un valido alleato per rinforzare il sistema naturale di difesa dell’organismo. Il succo è il risultato della spremitura del frutto. Si presenta con una consistenza densa, colore marrone scuro, odore forte quasi sgradevole e un sapore acido. Esistono vari metodi per ottenere il succo: è importante che il processo per produrlo sia in grado di mantenere gran parte delle proprietà del frutto, che altrimenti andrebbero perse. Il succo contiene vitamine, minerali, oligoelementi, enzimi, steroli e un buon quantitativo di aminoacidi.

La ricerca farmacologica ha riconosciuto la presenza di alcuni principi attivi, tra cui i precursori utili alla produzione dell’enzima xeronina, una componente rilevante della membrana cellulare, in grado di esercitare un’azione rigenerativa e riparatrice sulle cellule danneggiate. Inoltre, la xeronina è in grado di regolare la funzione delle proteine, di fornire loro una struttura adeguata e riveste un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’efficienza e del metabolismo cellulare. L’assunzione del succo di Noni consente, quindi, di ottenere una combinazione sinergica delle sostanze in esso presenti (come la proxeronina, la vitamina C e la scopoletina) importanti per la struttura cellulare corporea, la regolazione del metabolismo e le funzioni antiossidanti.

Il batterio con un ruolo chiave nelle patologie metaboliche e gastrointestinali

Da recenti studi, è emerso come il batterio Akkermansia muciniphila, che colonizza lo strato di muco del tratto gastrointestinale, rappresentando dall’1 al 4% del microbiota fecale, possa avere un ruolo chiave nello sviluppo delle patologie metaboliche e gastrointestinali. Questo batterio, infatti, stimola la comunicazione tra i batteri del microbiota intestinale e migliora la funzionalità della barriera intestinale potenziando la risposta immunitaria del nostro organismo.

Ma non è tutto…sembra sia in grado di influenzare il metabolismo degli zuccheri e dei grassi e che la sua presenza correli inversamente con diverse condizioni infiammatorie come quelle intestinali, l’obesità e il diabete. La sua somministrazione come terapia sarebbe in grado di ridurre lo sviluppo di queste condizioni.

Quando associare Noni e Colostro ?

– in caso di patologie influenzali e parainfluenzali, in particolare nelle forme caratterizzate da disturbi gastrointestinali (diarrea, vomito, dolori e crampi addominali) accompagnati da stanchezza generale;

– nei casi di ridotta o alterata funzionalità intestinale, dovuti ad infezioni (gastroenteriti) di origine batterica che si manifestano con: diarrea, inappetenza, dolori addominali;

– in presenza di disbiosi intestinali secondarie all’uso di antibiotici, cattiva alimentazione, malattie infettive, stress psichici e stili di vita sregolati.

E’ controindicato in presenza di intolleranza al lattosio, oppure allergia alle proteine del latte vaccino.

Fonti

https://guna.com/it/wp-content/uploads/sites/5/New-perspective-in-dietary-supplementation.pdf

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24632769/

https://guna.com/it/wp-content/uploads/sites/5/Exploring-the-effects-of-COLOSTRONONI.pdf

Credit photo: www.ilvoloweb.it

Giornalista con una lunga presenza sulle pagine di Selezione dal Reader’s Digest e su altri media dove ha scritto di Salute, Benessere e Bellezza curando, oltre gli argomenti principali, tutte le “sezioni tematiche” e gli “speciali” dedicati.

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.