Alcuni farmaci danneggiano il microbioma intestinale, cosa significa per la salute

0
404
Alcuni farmaci danneggiano il microbioma intestinale, cosa significa per la salute

Probabilmente hai già sentito che gli antibiotici possono avere un impatto sul microbioma intestinale, ma si è scoperto che questa azione comprende anche alcuni farmaci.

Alcuni farmaci danneggiano il benessere intestinale 

Gli scienziati del laboratorio tedesco di biologia molecolare in Germania hanno infatti scoperto che anche  molti farmaci che prendono di mira le cellule umane piuttosto che i batteri possono causare cambiamenti nella composizione del microbioma.

I risultati, alcuni farmaci si comportano come antibiotici 

Gli scienziati hanno scoperto che oltre il 25% dei 923 farmaci non antibiotici studiati diminuiva la crescita di una o più specie di batteri intestinali umani. Tra i farmaci che sono stati identificati come problematici si includono:

  • anti-diabetici,
  • anti-infiammatori non steroidei,
  • antipsicotici atipici
  • inibitori della pompa protonica.

Non sorprendentemente, il 78% degli antibiotici che hanno esaminato ha anche inibito il numero di almeno una specie. È interessante notare che i non antibiotici che hanno interessato il microbioma dell’intestino nel loro studio tendevano ad essere quelli che avevano più effetti collaterali di tipo antibiotico, come problemi gastrointestinali.

Le considerazioni

L’autore senior dello studio, il professor Peer Bork, ha dichiarato che i risultati sono stati inaspettati. Ha commentato: “Il numero di farmaci non correlati che hanno colpito i batteri intestinali come danno collaterale è stato sorprendente. Tanto più che dimostriamo che il numero effettivo potrebbe essere persino più alto”.

Questo perché hanno esaminato solo un campione rappresentativo di ciò che è considerato un microbioma sano, che conteneva 38 specie. Un vero intestino umano contiene in genere centinaia di specie con una varietà molto ampia di ceppi. Credono che se testassero più specie intestinali, il numero di farmaci che interferiscono con i microbi intestinali aumenterebbe.

Tutti i farmaci – non solo gli antibiotici – contribuiscono alla resistenza agli antibiotici

Emerge quindi la possibilità che alcuni farmaci non antibiotici possano contribuire al problema crescente della resistenza agli antibiotici. I medici affermano che le ripercussioni sono preoccupanti se si considera il numero di farmaci non antibiotici assunti da una persona nella loro vita.

Questi risultati serviranno da buona base per ulteriori ricerche sulle interazioni tra farmaci e microbi intestinali. Poiché la resistenza a determinati farmaci non antibiotici potrebbe innescare una sensibilità a particolari antibiotici, è possibile che gli scienziati possano trovare modi per sviluppare soluzioni personalizzate che utilizzino combinazioni di farmaci ottimali.

I ricercatori dichiarano di voler esaminare le interazioni tra farmaci e microbioma intestinale per comprendere come le persone rispondono in modo diverso alle stesse medicine.

Le scoperte sono state pubblicate sulla rivista Nature.

Farmaci che ci rendono più vulnerabili alle malattie

Gli antibiotici ci stanno già rendendo vulnerabili alle malattie distruggendo i nostri microbi intestinali, quindi è scoraggiante apprendere che anche altri farmaci causano questo problema. Recentemente è stato anche scoperto che solo un singolo ciclo di antibiotici è sufficiente a distruggere i microrganismi intestinali fino a un anno, contribuendo anche alla resistenza agli antibiotici.

Sfortunatamente, gran parte dei batteri nell’intestino che vengono distrutti da antibiotici e altri farmaci svolgono un ruolo importante nel nostro sistema di difesa naturale contro malattie come il cancro.

Le alterazioni della popolazione microbica possono renderci dunque vulnerabili non solo alle infezioni ma anche a infiammazioni intestinali, allergie alimentari, malassorbimento, carenze di minerali e vitamine e obesità.

Questo è un altro motivo per cui molte persone preferiscono provare le opzioni naturali per affrontare i problemi di salute e attenersi ai farmaci come ultima risorsa.

Coma aiutano i probiotici?

La buona notizia è che l’assunzione di fermenti lattici vivi durante una terapia antibiotica può alleviare alcuni dei problemi associati all’assunzione di questi farmaci e ricostituire i batteri buoni. I probiotici hanno infatti il compito di mantenere l’equilibrio della flora intestinale.

Per approfondire leggi qui » I benefici dei probiotici durante la terapia antibiotica.

Fonti:

https://www.nutraingredients.com/Article/2018/03/21/Microbiome-focus-Many-medicines-affect-our-gut-bacteria-not-just-antibiotics

https://www.embl.org