Tutto ciò che bisogna sapere sulla stitichezza dei bambini

0
529
Tutto ciò che bisogna sapere sulla stitichezza dei bambini

La stitichezza nei bambini è fenomeno piuttosto diffuso, capiamo i sintomi, le cause ed i rimedi.

Sintomi

  • Meno di tre movimenti intestinali a settimana
  • Feci dure, secche e di difficile espulsione
  • Dolori addominali.

Quando vedere un dottore?

La stipsi nei bambini di solito non è grave. Tuttavia, la stitichezza cronica può portare a complicazioni pertanto si consiglia di portare il bambino da un medico qualora dovesse durare per  più di due settimane o se fosse accompagnata da:

  • Febbre
  • Vomito
  • Sangue nelle feci
  • Gonfiore addominale
  • Perdita di peso
  • Ragadi anali.

Le cause

Si verifica più comunemente quando le feci si muovono troppo lentamente attraverso l’intestino, causando l’indurimento e l’asciugatura delle feci.

Molti fattori possono contribuire alla stitichezza nei bambini, tra cui:

  • Trattenere lo stimolo:il bambino può ignorare l’impulso di avere un movimento intestinale perché ha “paura del bagno” o non vuole prendere una pausa dal gioco. Alcuni bambini si trattengono quando sono lontani da casa perché sono a disagio nei bagni pubblici.
  • Il dolore: i movimenti intestinali dolorosi causati da feci grandi e dure possono portare il bambino ad evitare la “situazione dolorosa” evitando l’evacuazione.
  • Il vasino accelerare il passaggio dal pannolino al vasino potrebbe portare il bambino ad una  “ribellione” e a trattenere le feci.
  • Cambiamenti nella dieta:non inserire il giusto apporto di  frutta, verdura, fibre o liquidi nella dieta del bambino può causare stitichezza. Uno dei periodi più comuni in cui i bambini diventano stitici è quando passano da una dieta completamente liquida ad una che include anche i cibi solidi.
  • Cambiamenti nella routine: i viaggi, il clima caldo o lo stress  possono influire sulla funzionalità intestinale. I bambini hanno maggiori probabilità di sperimentare la stitichezza quando iniziano la scuola fuori casa.
  • Farmaci: alcuni farmaci possono contribuire alla stitichezza.
  • Allergia al latte vaccino.
  • Storia familiare: i bambini con familiari che hanno sofferto di stitichezza hanno maggiori probabilità di svilupparla. Ciò può essere dovuto a fattori genetici o ambientali condivisi.

Fattori di rischio

Tale problema è più probabile per i bambini che:

  • Sono sedentari
  • Non mangiano abbastanza fibre
  • Non bevono abbastanza liquidi
  • Prendono alcuni farmaci, inclusi alcuni antidepressivi
  • Avere una condizione medica che colpisce l’ano o il retto
  • Avere una storia familiare di stitichezza.

Rimedi e accorgimenti

Qualche piccolo accorgimento potrebbe risolvere facilmente il problema:

  • Dieta e alimentazione: aumentare l’apporto di fibre, frutta e verdura. Abituare il bambino a bere molto ed evitare i cibi confezionati
  • Attività fisica: evitare che il bambino abbia una vita troppo sedentaria il movimento, infatti, facilita il transito intestinale.
  • Comportamenti generali: fare in modo che il bagno sia a misura di bambino, in modo che anche i più piccoli siano in grado di gestirsi da soli

La frequenza delle evacuazioni in età pediatrica

Secondo la Società Nord Americana di Gastroenterologia Epatologia e Nutrizione Pediatrica (NASPGHAN) la frequenza delle evacuazioni settimanali in età pediatrica può essere così riassunta:

Da 0 a 3 mesi: allattamento al seno da 5 a 40 evacuazioni la settimana

Da 0 a 3 mesi: allattamento artificiale da 5 a 28 evacuazioni la settimana

Da 6 a 12 mesi: da 5 a 28 evacuazioni la settimana

Da 1 a 3 anni: da 4 a 21 evacuazioni la settimana

> 3 anni: da 3 a 14 evacuazioni la settimana.

Fonte:

http://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/constipation-in-children/symptoms-causes/dxc-20235978