I conservanti alimentari possono influenzare il microbioma intestinale

0
445
colesterolo Natale

I composti antimicrobici aggiunti per conservare il cibo durante lo stoccaggio sono ritenuti benigni e non tossici per il consumatore, ma c’è “un divario scientifico nella comprensione delle potenziali interazioni che possono avere con le centinaia di specie di microbi nel nostro intestino”, afferma David Sela, un microbiologo nutrizionale presso l’Università del Massachusetts Amherst.

La scoperta

Sela e colleghi del dipartimento di scienze alimentari di UMass Amherst  riferiscono i risultati del loro studio condotto nei topi su uno di questi composti conservanti, ε polilisina alimentare, nella rivista Nature Springer, Science of Food.

Inaspettatamente, hanno scoperto che il composto di polilisina ha modificato temporaneamente la diversità dei microbi nell’intestino del topo, ma questo cambiamento è stato transitorio e durante il periodo di studio di 15 settimane, il microbioma dell’intestino della cavia è stato riportato a condizioni simili a quelle all’inizio dello studio. Sela afferma: “Questo è un fenomeno molto interessante che non abbiamo mai visto prima, per quanto ne sappiamo, siamo certamente interessati a esaminarlo ulteriormente, non sappiamo abbastanza su cosa i conservanti facciano ai microbiomi nell’intestino“.

 

Lo studio

Per questo studio, i coautori Sela e UMass Amherst Hang Xiao e Julian McClements hanno diviso 40 femmine e 40 topi maschi in quattro gruppi di 10 animali ciascuno. Hanno somministrato a 10 femmine e 10 topi maschi il polipropilene biopolimerica alimentare presente nei conservanti alimentari, mentre i gruppi di controllo di 10 animali hanno ricevuto ciascuno cibo senza gli additivi. Altri due gruppi hanno ricevuto ε-polilisina più pectina o ε-polilisina più maltodestrina, additivi alimentari comuni che potrebbero interagire con la ε-polilisina.

Come spiegano gli autori, sia l’ε-polilisina che la pectina non vengono dissolte o assorbite nel tratto gastro-intestinale superiore e possono interagire con le comunità microbiche.

Per la loro analisi del microbiota intestinale, i ricercatori hanno prelevato palline fecali di topo in tre peridi: basale, cinque settimane e nove settimane. Sela afferma: “Le concentrazioni di microbi intestinali sono cambiate in risposta alla polilisina quando abbiamo alimentato i topi durante lo studio. Sorprendentemente, il microbioma è tornato alle concentrazioni originali nonostante l’alimentazione sia continuata con la polilisina. “

A partire dalla quinta settimana è cambiato”, aggiunge, “ma alla fine della nona settimana si è ripristinato: le funzioni dei microbi sono cambiate”.

 

Conclusione

In genere il microbioma rimane alterato quando ad esempio assumiamo degli antibiotici, quindi i nostri risultati suggeriscono che in qualche modo c’è un adattamento al conservante alimentare.

Sela afferma: “Pensiamo che questo sarà interessante per i produttori di alimenti che usano composti antimicrobici alimentari e per le persone che ricercano la resistenza antimicrobica“.

 

Fonti
https://www.nature.com/articles/s41538-017-0006-0