Latte crudo: i benefici non sono chiari ma i pericoli sono reali

Latte crudo: i benefici non sono chiari ma i pericoli sono reali

Online è sempre più diffusa la notizia che il latte crudo possa “curare l’intestino”, rafforzare il sistema immunitario, prevenire le allergie, farti avere una pelle più sana e persino migliorare le prestazioni in palestra. 

Forse l’idea più comune è che la pastorizzazione – il processo di riscaldamento utilizzato per uccidere i batteri nocivi nel latte – riduca la quantità di vitamine e batteri “buoni” nella bevanda, quindi il latte crudo sia presumibilmente migliore. 

Ma cosa dicono le prove scientifiche? 

Ci sono alcuni dati che indicano che la pastorizzazione può avere un piccolo effetto sul contenuto nutrizionale del latte. Ma bere latte crudo comporta il rischio di contrarre infezioni gravi e potenzialmente letali.

La pastorizzazione, che prende il nome dallo scienziato Louis Pasteur (1822-1895), comporta il riscaldamento di alcuni tipi di cibi e bevande a circa 72 ° C per almeno 15 secondi, per poi raffreddarli rapidamente a 3 ° C. Questo processo riduce il numero di batteri potenzialmente dannosi (agenti patogeni) e altri microrganismi che riducono la durata di conservazione del prodotto.

Una meta-analisi del 2011 ha confrontato i risultati di 40 studi che studiano gli effetti della pastorizzazione sui livelli di vitamina nel latte. Ha dimostrato che la pastorizzazione ha ridotto la quantità di vitamine B1, B2, C e acido folico nel latte. Ma gli autori hanno anche concluso che, a parte la vitamina B2, i livelli di queste vitamine erano così bassi già inizialmente che il latte non era comunque da considerare una buona fonte alimentare per questi componenti.

Un altro studio del 2015 ha esaminato la frequenza con cui 983 bambini di età inferiore a 12 mesi soffrivano di febbre e infezioni del tratto respiratorio. Ha confrontato quelli a cui è stato somministrato latte crudo e quelli che hanno ricevuto latte UHT (lavorazione a temperatura ultra-alta), che viene riscaldato a una temperatura molto più elevata (135 ° C) rispetto alla pastorizzazione normale.

Gli autori hanno concluso che bere latte crudo nel primo anno di vita potrebbe ridurre il rischio di febbre e infezioni respiratorie di circa il 30% rispetto al latte UHT. Hanno affermato che se si potesse trovare un metodo per rimuovere i patogeni dal latte con un trattamento minimo, ciò potrebbe avere un impatto enorme sulla salute dei bambini, dato quanto comuni siano queste infezioni.

Ma è importante sottolineare che ciò non equivale a dire che il latte crudo abbia poteri protettivi per chiunque lo beva. Vale anche la pena considerare che i bambini di età inferiore a 12 mesi sono generalmente nutriti con il  latte materno o latte artificiale perché non possono ottenere tutti i nutrienti di cui hanno bisogno dal latte di mucca. Forse ancora più importante, i bambini piccoli sono più a rischio per gli agenti patogeni del latte crudo.

Batteri nocivi

Il corpo umano contiene circa 39 trilioni di singole cellule batteriche – più del numero totale di cellule umane nel corpo. Abbiamo bisogno di una miscela di microrganismi, comunemente noti come batteri “buoni”, per combatterli.

Alcuni batteri nocivi che sono stati associati al latte crudo includono Mycobacterium bovis (l’agente causativo della tubercolosi bovina), Campylobacter, Salmonella, Listeria e E. coli che produce tossine.

La ricerca ha dimostrato che bere latte crudo può portare a infezioni con questi agenti patogeni. In Colorado, negli Stati Uniti, nel 2015, 12 persone sono state infettate da un ceppo di Campylobacter jejuni resistente ai farmaci dopo aver bevuto latte crudo. Sebbene nessuno sia morto, una persona è stata ricoverata in ospedale e tutti hanno avuto sintomi che vanno dalla diarrea sanguinolenta ai crampi allo stomaco e al mal di testa. Allo stesso modo, in Galles nel 2017, sono stati segnalati 18 casi di infezione da Campylobacter da persone che avevano bevuto latte crudo.

In conclusione, la ricerca generalmente suggerisce che la potenziale contaminazione del latte crudo con batteri nocivi è un rischio troppo grande rispetto a qualsiasi beneficio sulla salute.

Fonti:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22054181

https://www.jacionline.org/article/S0091-6749%252814%252901274-3/abstract

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2791650/#targetText=Linoleic%20acid%20provides%204%25%20of,whole%20cow’s%20milk%20(14).

https://www.nature.com/news/scientists-bust-myth-that-our-bodies-have-more-bacteria-than-human-cells-1.19136

https://www.mumsnet.com/Talk/am_i_being_unreasonable/3016598-Raw-milk

https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/67/wr/mm6705a2.htm

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S095671351200535X?via%253Dihub

https://www.dairyreporter.com/Article/2017/08/15/Public-Health-Wales-investigating-Campylobacter-from-milk

https://data.gov.uk/dataset/f6706084-9c82-4a50-a781-41e0e6229948/raw-drinking-milk-premises-in-england-wales-and-northern-ireland

https://www.foodstandards.gov.scot/business-and-industry/industry-specific-advice/dairy

https://www.sahealth.sa.gov.au/wps/wcm/connect/3aab958041f2c9e4a7fce740535c9bd4/UCM+FAQs+-+FINAL.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=ROOTWORKSPACE-3aab958041f2c9e4a7fce740535c9bd4-mMHXVH2