fbpx
Pancia in Forma

Le dieci cause di dolore epigastrico (o mal di stomaco)

Le dieci cause di dolore epigastrico (o mal di stomaco)

Il dolore epigastrico, o mal di stomaco, è uno dei disturbi più diffusi. Insorge nel mezzo dell’addome superiore, appena sotto la gabbia toracica ma sopra l’intestino.

Esistono molti comuni problemi digestivi associati al dolore epigastrico, oltre ad una serie di altre condizioni di base che possono causare dolore in quella zona.

I casi gravi possono essere pericolosi per la vita, ed è importante lavorare con un medico per capire la differenza tra una semplice causa di dolore epigastrico e una condizione di fondo più grave.

Ecco le dieci cause del dolore epigastrico

1. Indigestione

L’indigestione di solito si verifica dopo aver mangiato. Quando una persona mangia qualcosa, lo stomaco produce acido per digerire il cibo. A volte questo acido può irritare il rivestimento del sistema digestivo.

L’indigestione può causare sintomi come:

  • Eccesso di aria in bocca;
  • gonfiore all’addome,
  • sentirsi pieno o gonfiore;
  • nausea.

Questi sintomi si sentono spesso insieme al dolore epigastrico. A volte questa condizione può essere il segno che una persona è intollerante a qualcosa che ha recentemente mangiato.

2. Reflusso acido

Si tratta della risalita involontaria e frequente dei succhi gastrici e di parte del contenuto dello stomaco lungo l’esofago, talvolta fino alla gola.

Quando il disturbo si presenta più volte nel corso della giornata e si associa ad altre complicazioni si parla di malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE – GERD, Gastro-Esophageal Reflux Disease). 

Altri sintomi comuni di reflusso acido includono:

  • indigestione;
  • dolore toracico bruciante o dolorante;
  • sentirsi come se avessimo un “nodo alla gola o al petto”;
  • un sapore acido o simile al vomito in bocca;
  • un mal di gola persistente o una voce rauca;
  • una tosse persistente.

Le persone con GERD avvertono frequentemente dolore epigastrico e sintomi di indigestione e possono aver bisogno di cure e cambiamenti dietetici per gestire la condizione.

Alcuni casi di GERD possono portare inoltre ad una condizione chiamata esofago di Barrett, in cui il tessuto del tubo del cibo inizia a somigliare ai tessuti dell’intestino.

3. Eccesso di cibo

Lo stomaco è molto flessibile. Tuttavia, mangiando più del necessario, lo stomaco si espande oltre la sua normale capacità.

Se lo stomaco si espande considerevolmente, può esercitare pressione sugli organi intorno allo stomaco e causare dolore epigastrico. L’eccesso di cibo può anche causare indigestione, reflusso acido e bruciore di stomaco.

4. Intolleranza al lattosio

L‘intolleranza al lattosio può essere un’altra causa del dolore epigastrico. Per le persone con intolleranza al lattosio, mangiare latticini può causare dolore epigastrico e altri sintomi, tra cui:

  • dolori di stomaco;
  • crampi e gonfiore;
  • gas;
  • nausea o vomito;
  • diarrea.

5. Bere alcolici

Bere moderatamente non è di solito sufficiente per sconvolgere lo stomaco o l’intestino. Tuttavia, bere troppo alcol in una volta o eccesso di alcol per lunghi periodi di tempo può causare infiammazioni nel rivestimento dello stomaco. Questa infiammazione può portare a dolore epigastrico e altri problemi digestivi.

6. Esofagite o gastrite

L’esofagite è un‘infiammazione del rivestimento del tubo del cibo. La gastrite è l’infiammazione del rivestimento dello stomaco. Esofagite e gastrite possono essere causate da reflusso acido, infezioni e irritazione da alcuni farmaci. Alcuni disturbi del sistema immunitario possono anche causare infiammazione.

Se questa infiammazione non viene trattata, può creare tessuto cicatriziale o sanguinamento. Altri sintomi comuni includono:

  • sapore acido o vomito in bocca;
  • tosse persistente;
  • bruciore al petto e alla gola;
  • difficoltà a deglutire;
  • nausea;
  • vomitare o sputare sangue;
  • scarsa alimentazione.

7. Ernia iatale

Un’ernia iatale si verifica quando parte dello stomaco spinge attraverso il diaframma e nel petto. Ciò potrebbe essere dovuto a un incidente oppure a muscoli del diaframma indeboliti.

Oltre al dolore epigastrico, altri sintomi comuni delle ernie iatali includono:

  • gola infiammata;
  • irritazione alla gola;
  • difficoltà a deglutire;
  • fastidio al petto.

Le ernie iatali colpiscono tipicamente le persone anziane e non causano dolore epigastrico in ogni caso.

8. Malattia ulcera peptica

Si tratta di un’ulcera circoscritta che colpisce la mucosa (il rivestimento) dello stomaco, la prima porzione dell’intestino tenue o, occasionalmente, la parte inferiore dell’esofago. Un’ulcera allo stomaco, viene generalmente chiamata ulcera gastrica mentre quella nella prima parte dell’intestino ulcera duodenale. I sintomi della malattia da ulcera peptica possono includere dolore epigastrico e segni di emorragia interna, come dolore allo stomaco, affaticamento e mancanza di respiro.

9. Disturbo alla cistifellea

Anche problemi con la cistifellea possono causare dolore epigastrico. I calcoli biliari possono infatti bloccare l’apertura della cistifellea oppure può essere infiammata. I sintomi specifici della cistifellea possono includere:

  • dolore intenso vicino al lato superiore destro dello stomaco dopo aver mangiato;
  • pelle ingiallita;
  • perdita di appetito;
  • Nausea e vomito;
  • Urina bianca e feci grigiastre;
  • gas e gonfiore.

10. Gravidanza

È molto comune sentire un lieve dolore epigastrico durante la gravidanza. Questo è comunemente causato dal reflusso acido o dalla pressione sull’addome dall’utero in espansione. Le variazioni dei livelli ormonali durante la gravidanza possono anche aggravare il reflusso acido e il dolore epigastrico.

Se tale dolore diventa grave o persistente può essere un sintomo di una condizione più grave, quindi una si consiglia di consultare il proprio medico di fiducia.

Diagnosi

La diagnosi della causa del dolore epigastrico è essenziale per garantire un trattamento adeguato. Se la causa non è chiara, il proprio medico può prescrivere test quali:

  • test di imaging, come raggi X, ultrasuoni o endoscopia
  • test delle urine per verificare la presenza di infezioni o disturbi della vescica
  • analisi del sangue
  • test cardiaci.

Trattamento

Il trattamento del dolore epigastrico varia a seconda della causa. Ad esempio, se l’eccesso di cibo causa frequentemente dolore epigastrico, una persona potrebbe voler mangiare porzioni più piccole e assicurarsi che stiano mangiando alimenti di riempimento, come le proteine ​​magre. Condizioni come GERD, ulcere peptiche e esofago di Barrett possono richiedere un trattamento a lungo termine per gestire i sintomi. Una persona dovrebbe lavorare con il proprio medico per trovare un piano di trattamento che funzioni per loro.

Se un medico ritiene che l’assunzione di determinati farmaci causi la condizione, può raccomandare il passaggio a un nuovo farmaco o la riduzione del dosaggio.

Ogni situazione è quindi soggettiva e per questo è necessario l’intervento di un medico.

Quando consultare un dottore

Il dolore epigastrico occasionale non è di solito un motivo di preoccupazione, ma chiunque abbia dolore epigastrico grave o persistente dovrebbe consultare il proprio medico.

I sintomi che durano più di qualche giorno o che si verificano più di due volte a settimana su base regolare si considerano persistenti.

In alcuni casi potrebbe essere necessaria una visita al pronto soccorso. I segni di gravi complicazioni che richiedono un trattamento tempestivo includono:

  • difficoltà a respirare o a deglutire;
  • pressione intensa o dolore al petto;
  • tosse con perdite di sangue;
  • sangue nelle feci;
  • nausea, vomito o diarrea di durata superiore a 24 ore negli adulti;
  • febbre alta;
  • estrema fatica o perdita di conoscenza.

Molti casi di dolore epigastrico possono essere trattati e prevenuti apportando piccoli cambiamenti nella dieta o nello stile di vita. Anche i sintomi cronici possono essere gestiti bene con farmaci e cambiamenti dietetici.

Fonte:

https://www.medicalnewstoday.com/articles/320317.php

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.