Muco nelle feci: un indicatore della salute intestinale

0
5431
Batteri: pacemaker per l'intestino. Ecco spiegato perché.

Gli scienziati dell’Oklahoma Medical Research Foundation hanno ridefinito il modo in cui opera il microbioma intestinale e come i nostri corpi convivano con i 100 trilioni di batteri che lo compongono. 

Lijun Xia, M.D., Ph.D. di OMRF, ha guidato un team di scienziati, scoprendo che il microbioma controlla la creazione di uno “strato appiccicoso” di muco arricchito di zucchero che incapsula e viaggia con la materia fecale. Il muco funge da barriera tra i batteri nelle feci e le migliaia di cellule immunitarie nel colon garantendo l’equilibrio intestinale

Il colon non è solo un organo digestivo ma un organo immunitario

La salute generale del microbioma intestinale dipende dalla presenza del suo muco. E sebbene la produzione di muco possa essere interrotta, i ricercatori hanno dimostrato che può anche essere ripristinata. 

Nello studio, gli scienziati hanno scoperto che la materia fecale dei topi trattati con un antibiotico ad ampio spettro non era protetta dal rivestimento del muco. Ma quando i topi, senza questa barriera protettiva, hanno ricevuto un trapianto di materia fecale la loro produzione di muco si è ristabilita. 

Ciò può avere implicazioni terapeutiche significative per i pazienti il ​​cui microbioma è sbilanciato, ha spiegato Xia. “A causa di antibiotici che interrompono la produzione di muco o di una rimozione totale del colon per una colite ulcerosa, può verificarsi un’infiammazione dolorosa. Ora che comprendiamo meglio il ruolo e l’origine di questo muco, studieremo come integrarlo o ripristinarne la produzione“. 

Muco e malattie infiammatorie intestinali

Il presidente dell’OMRF Stephen Prescott, M.D. ha dichiarato che “ll lavoro del dott. Xia dimostra una forte connessione tra la presenza di un buon rivestimento di muco protettivo  grazie al microbioma e lo sviluppo di malattie come la colite “. 

I risultati possono aprire la porta ad alternative alla colonscopia per il monitoraggio di condizioni come la malattia infiammatoria intestinale (IBD). “Piuttosto che ripetute procedure invasive per monitorare la progressione dell’IBD, potremmo essere in grado di misurare la presenza di muco in un campione fecale e valutare la salute intestinale di un paziente“, ha detto Xia. 

Il microbioma intestinale ha assunto un’importanza crescente nella ricerca medica poiché gli scienziati hanno riconosciuto il ruolo che i suoi microrganismi svolgono nella nostra salute generale. I ricercatori hanno scoperto che questi minuscoli organismi, che vivono nel nostro tratto digerente, possono essere attori chiave nell’obesità, nel diabete e in una varietà di malattie autoimmuni e digestive

Fonti

https://science.sciencemag.org/content/370/6515/467

Le immagini pubblicate nel sito sono tratte da Google Image e Pexels.com selezionando esclusivamente quelle per cui è indicato esplicitamente l'assenza di diritti o la solo richiesta di Credit. Per cui riteniamo, in buona fede, che siano di pubblico dominio (nessun contrassegno del copyright) e quindi immediatamente utilizzabili. In caso contrario, sarà sufficiente contattarci all'indirizzo info@novalbit.com perché vengano immediatamente rimossi.