Intestino più sano con i broccoli

0
387
Intestino più sano con i broccoli

Una nuova ricerca evidenzia come mangiare broccoli può aiutare a promuovere la salute intestinale.

Secondo Gary Perdew, professore in Scienze dell’Agricoltura alla Penn State, quando i topi mangiavano i broccoli con la loro dieta regolare, tolleravano meglio i problemi digestivi simili ai sintomi di infiammazione  intestinale e colite rispetto ai topi che non assumevano broccoli.

Perdew aggiunge che altre verdure, come cavoletti di Bruxelles e cavolfiore, possono avere proprietà simili.

Ci sono molte ragioni per cui vogliamo aiutare la  salute gastrointestinale e una è che se avete problemi e si inizia a soffrire di infiammazione, si possono sviluppare altre condizioni, come l’artrite e le malattie cardiache” dice Perdew.

L’importanza di avere una barriera intestinale in salute

Una buona funzione di barriera intestinale significa che il tratto gastrointestinale aiuta a proteggere l’intestino dalle tossine e dai microrganismi nocivi, consentendo nel contempo alle sostanze nutritive di passare nel sistema.

Secondo Perdew, la chiave del processo potrebbe essere un recettore nell’intestino chiamato recettore di idrocarburi arilici o AHR. Il recettore aiuta il corpo a regolare la sua reazione a determinati contaminanti ambientali e attiva altre risposte all’esposizione alle tossine.

Verdure crocifere

I ricercatori suggeriscono che le verdure crocifere, come broccoli, cavoletti di Bruxelles e cavoli, contengono un composto chimico organico chiamato glucosinolati, che si scompone in altri composti, compreso l’indolocarbazolo (ICZ) nello stomaco.

Quando l’ICZ si lega e attiva il recettore di idrocarburi arilici (AHR) nel rivestimento intestinale, aiuta a mantenere un sano equilibrio della flora intestinale e la sorveglianza immunitaria, migliorando la funzione di barriera. Questo può aiutare a prevenire le malattie, come i vari tipi di cancro e la malattia di Crohn, causati dall’infiammazione del rivestimento dell’intestino.

Secondo Perdew, l’iperattivazione dell’AHR può causare tossicità, ma l’uso dei broccoli per attivare localmente il recettore nell’intestino potrebbe aiutare ad evitare alcuni di questi problemi.

La diossina, ad esempio, attiva questo recettore, causando tossicità“, dice Perdew. “Quello che ci interessa è: potremmo attivare naturalmente localmente il recettore a un livello che causerebbe solo modesta attivazione di AHR nell’intestino, ma non causare attivazione sistemica, che potrebbe portare a effetti negativi?

Lo studio

I ricercatori hanno usato due linee genetiche di topi nello studio per concentrarsi sull’ AHR. Una linea aveva una bassa capacità di legare ICZ a AHR, mentre l’altra linea aveva un’alta capacità. Hanno aggiunto il 15% di broccoli alle diete di entrambi i gruppi di topi.

Dopo aver aggiunto una sostanza che causa problemi digestivi, i ricercatori affermano che i topi con una maggiore capacità di legare l’ICZ all’AHR erano protetti da una sostanza chimica che induceva problemi digestivi, ma i topi con l’affinità inferiore soffrivano invece di intossicazione intestinale.

Quanti Broccoli mangiare?

Per gli umani, la quantità nell’esperimento sarebbe equivalente a mangiare circa 3,5 tazze di broccoli ogni giorno, secondo Perdew.

Ora, tre tazze e mezzo sono molte, ma non è una quantità enorme“, dice Perdew. ” Inoltre, i cavoletti di Bruxelles hanno una concentrazione tre volte superiore , il che significherebbe che una tazza di cavoletti di Bruxelles potrebbe portarci allo stesso livello. “

Poiché le persone con determinate condizioni digestive, come la colite, sono spesso avvertite di evitare troppo crudismo nella loro dieta, la ricerca futura potrebbe includere la determinazione dei modi migliori per le persone di consumare i broccoli – o altre verdure con effetti simili – per ricevere gli stessi benefici, senza causare altri problemi digestivi associati alle verdure fibrose.

L’Istituto nazionale per l’alimentazione e l’agricoltura degli Stati Uniti e il National Institutes of Health hanno sostenuto questo lavoro.

Fonti:
https://news.psu.edu/story/486322/2017/10/13/research/it-or-not-broccoli-may-be-good-gut
https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1756464617305029?via%3Dihub