Kefir: potenzia istinto e umore

0
998
Kefir: potenzia istinto e umore

Una nuova ricerca gira intorno agli “psicobiotici”: prodotti alimentari come il kefir che stimolano intestino e umore. Ne parla Shann Nix Jones.

Il kefir: alleato per il nostro intestino

Può essere difficile credere che prendendo un probiotico come il kefir, si può alterare la composizione dei batteri intestinali in un modo da influire positivamente sullo stato d’animo e sulla funzione cerebrale, oltre a risolvere la sindrome dell’intestino irritabile (IBS). Tuttavia un’enorme ondata di ricerca sull’asse dell’intestino cervello ha mostrato esattamente questo.

Psicobiotico portatore di benefici

Il kefir, un prodotto fermentato simile allo yogurt liquido, esiste da millenni, ma oggi è pronto a diventare un attore importante in una nuova frontiera nelle neuroscienze per le sue azioni di “psicobiotico”. Si tratta di un nuovo termine per indicare una combinazione di organismi vivi che, se ingeriti in quantità adeguate, producono benefici per la salute mentale.

Il legame tra cervello e intestino

Mentre è noto da più di un secolo che i batteri possono avere effetti positivi sulla nostra salute fisica, è solo negli ultimi 10-15 anni che gli studi hanno dimostrato che esiste una connessione tra l’intestino, i batteri nell’intestino e il cervello

Nei topi, l’aumento della funzione immunitaria, le migliori reazioni allo stress e persino i vantaggi dell’apprendimento e della memoria sono stati attribuiti all’aggiunta del giusto ceppo di batteri all’intestino.

“Questi studi ci danno la sicurezza che i batteri dell’intestino stanno giocando un ruolo causale in processi biologici molto importanti, che possiamo quindi sperare di sfruttare con gli psicobiotici“, dice Philip Burnet, professore associato di psichiatria presso l’Università di Oxford.

Gli studi sugli psicobiotici

Gli psicobiotici sono stati ampiamente studiati in gruppi di pazienti IBS in cui sono stati riscontrati risultati positivi sulla loro IBS e sulla loro depressione / ansia.

Tuttavia non è necessario essere clinicamente depressi per beneficiare degli psicobiotici.

Le ultime ricerche mostrano che anche chiunque soffra di stress cronico, umore basso o sintomi simili all’ansia può trarne beneficio.

Come lavorano i psicobiotici, gli studi

Lavorano sul cervello in tre modi diversi:

1) Producendo composti attivi come la serotonina che agiscono sull’asse dell’intestino. Quando il nostro intestino secerne la serotonina, questo scatena le cellule all’interno del rivestimento dell’intestino a rilasciare molecole che segnalano la funzione cerebrale e influenzano il comportamento.

2) Lavorando sul sistema di risposta allo stress del corpo, che coinvolge il cervello e le ghiandole surrenali (almeno negli studi sugli animali) . Questo sistema, noto anche come asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), è danneggiato dallo stress cronico o malattia. Quando l’asse HPA è fuori pericolo, anche la produzione di cortisolo e di altri ormoni legati allo stress va male.

Ciò gioca un ruolo importante nel causare disturbi dell’umore e problemi cognitivi.

3) Influenzando il cervello attraverso le loro azioni antinfiammatorie. I livelli di infiammazione cronicamente elevati in tutto il corpo e il cervello sono ora noti per essere una delle principali cause alla base di IBS, depressione e ansia. Questa infiammazione può derivare dall’intestino e gli psicobiotici influenzano il cervello abbassando l’infiammazione.

Gli psicobiotici possono anche aiutare a migliorare l’umore e alleviare l’ansia nelle persone che soffrono di varie malattie croniche. I batteri benefici sono stati utilizzati in uno studio in doppio cieco, controllato con placebo in pazienti con sindrome da stanchezza cronica, e i partecipanti che hanno assunto il probiotico hanno avuto una diminuzione significativa dei sintomi di ansia rispetto al gruppo di controllo.

In un altro studio, gli psicobiotici hanno dimostrato di aiutare le persone durante i periodi di stress prevenendo gli aumenti di cortisolo legati allo stress aumentando i livelli di serotonina.

Per coloro con IBS, la ricerca ha rilevato che il trattamento quotidiano con uno psicologo per quattro settimane ha portato a un miglioramento dell’umore, a una riduzione dei punteggi di ansia e ad un miglioramento significativo della qualità della vita nelle persone affette da IBS.

La scienza ha anche dimostrato recentemente che gli psicobiotici possono alleviare i sintomi della depressione. In uno studio del 2017, i ricercatori della McMaster University in Canada hanno scoperto che il doppio degli adulti con IBS riportava un miglioramento nella depressione coesistente quando prendevano uno psicobiotico rispetto a quelli che assumevano un placebo.

Lo studio fornisce ulteriori prove del fatto che l’ambiente del microbiota nell’intestino è in diretta comunicazione con il cervello.

Infatti, uno studio che confrontava i batteri psicobiotici con il citalopram SSRI, ha dimostrato che i batteri in realtà hanno funzionato meglio del farmaco nel trattamento della depressione, dell’ansia e della disfunzione cognitiva dovuta allo stress cronico. Abbassa il cortisolo e ripristina i livelli di serotonina e altri prodotti chimici del cervello in condizioni normali.

Linee guida per creare il tuo kefir

Lavorare con le culture vive può essere un grande vantaggio per la salute. È facile creare il proprio kefir a casa: i granuli di kefir possono essere ordinati online.

Come ogni altra cosa, tuttavia, il kefir fatto in casa ha sia benefici che potenziali rischi, e spesso i rischi non sono descritti nelle istruzioni che accompagnano i cereali.

Quindi, al fine di garantire che il kefir fatto in casa sia sicuro per il consumo, ti consigliamo di osservare le seguenti linee guida sulla sicurezza alimentare.

1) Fai fermentare il tuo kefir fino a quando il pH è inferiore a 4,5. Questo è il livello al quale la maggior parte dei patogeni batterici non è in grado di sopravvivere. pH metri sono ampiamente disponibili per questo scopo.

2) Fai scendere il pH del tuo kefir a 4,5 o meno il più rapidamente possibile. Anche se va bene per l’intero processo di fermentazione fino a 48 ore, questo calo iniziale del pH deve avvenire abbastanza rapidamente, idealmente entro le prime 16 ore di fermentazione. Altrimenti corri il rischio che batteri contaminanti entrino nel tuo kefir.

3) Il rapporto ideale tra cereali e latte è di circa 1: 7. I tassi di fermentazione variano a seconda del calore e dell’attività (entrambi aumentano i tassi di fermentazione), quindi mantenere il kefir caldo e scuotendolo di volta in volta accelererà il processo di fermentazione.

4) Metti alla prova il tuo kefir finito una volta al mese in un laboratorio di salute pubblica, per assicurarti che i tuoi cereali non si siano contaminati. Ogni volta che riutilizzi una coltura viva (come i granuli di kefir), corri il rischio di contaminazione da batteriofagi.

I batteriofagi, o “fagi”, sono virus che infettano i batteri e possono trasformare i batteri innocui in agenti di malattia alterando il loro codice genetico per produrre sostanze tossiche. Questi batteri sono quindi in grado di infettare gli esseri umani e causare intossicazioni alimentari e altre malattie potenzialmente mortali.

Se contatti il ​​laboratorio di salute pubblica vicino a te, possono spiegarti come puoi portare il tuo kefir per i test. Richiedi una schermata standard di sicurezza alimentare microbiologica per un prodotto di coltura dal vivo.

Come prendere il kefir

È forte, quindi si consiglia di iniziare lentamente. Assumere 1 cucchiaio di kefir al giorno e, man mano che il sistema si aggiusta, passare gradualmente a una dose giornaliera fino a 177 ml.

Scegli il kefir di puro latte di capra prodotto con veri granelli di kefir, senza zuccheri aggiunti, dolcificanti o aromi. Bevilo per prima cosa al mattino a stomaco vuoto.

Perché? Poiché il triptofano, il precursore della serotonina con cui il kefir è pieno, funziona solo sul cervello se consumato a stomaco vuoto.

Perché prima cosa al mattino? Perché il lattato di kefir (non il lattosio: il kefir è privo di lattosio al 100%) ti darà una carica di energia.

Assicurati di assumere altri liquidi per circa 15 minuti prima di prendere il tuo kefir. 

Puoi addolcirlo aggiungendo il 100% di stevia o frullandolo con la frutta, ma se lo fai, assicurati di consumarlo immediatamente. Non lasciarlo riposare durante la notte, in quanto il fruttosio (zucchero della frutta) degraderà la potenza dei probiotici.

Fonti:
Excerpted from The Kefir Solution: Natural Healing for IBS, Depression and Anxiety by Shann Nix Jones (Hay House, 2018)
https://www.wddty.com/lifestyle/2018/07/kefir-boosting-your-gut-and-your-mood.html
Trends Neurosci, 2016; 39: 763-81
Biol Psychiatry, 2013; 74: 720-6
Gastroenterology, 2013; 144: 1394-401
Adv Exp Med Biol, 2014; 817: 221-39
Neurogastroenterol Motil, 2014; 26: 510-20
Psychiatry, 2006; 5: 166-70
Clin Ther, 2015; 37: 984-95
Gut Pathogens, 2009; 1: 6
Benef Microbes, 2016; 7: 153-6
Aliment Pharmacol Ther, 2009; 29: 508-18
Gastroenterology, 2017; 153: 448-59.e8
Neuroscience, 2015; 310: 561-77