Psicobiotici: probiotici che influenzano la mente

Psicobiotici: probiotici che influenzano la mente

La ricerca suggerisce che il vasto ecosistema di organismi che vive nei nostri sistemi digestivi potrebbe essere tanto complesso quanto tutti i geni del nostro corpo, e potrebbe condizionare la salute mentale, l’atletismo e l’obesità.

Come le persone affette da depressione, quelle con IBS spesso riferiscono di aver subito traumi precoci, così nel 2009, il neuroscienziato John Cryan e i suoi colleghi hanno iniziato a “traumatizzare” i cuccioli di ratto separandoli dalle loro madri e hanno scoperto che il microbioma di questi animali nell’età adulta aveva una ridotta diversità.

Il microbioma intestinale è un vasto ecosistema di organismi come batteri, lieviti, funghi, virus e protozoi che vivono nei nostri tubi digestivi, che complessivamente pesano fino a 2 kg (più pesanti del cervello medio). È sempre più trattato dagli scienziati come un organo a sé stante.

Gli “Psicobiotici”

La speranza è che possa un giorno essere possibile diagnosticare alcune malattie cerebrali e problemi di salute mentale analizzando i batteri intestinali e trattarli – o almeno aumentare gli effetti dei trattamenti farmacologici – con batteri specifici.

Cryan e il suo collega Ted Dinan chiamano questi “germi psicotici” che alterano l’umore, psicobiotici.

Gli psicobiotici sono probiotici che alcuni scienziati ritengono possano avere un effetto positivo sulla mente. I probiotici sono batteri associati ad una flora intestinale sana – come il Lactobacillus acidophilus e il Bifidobacterium lactis.

Gli studi

Cryan e il suo team hanno continuato a lavorare con topi privi di germi. “In questi topi, i cervelli non si sviluppano correttamente“, dice. “Le loro cellule nervose non parlano tra loro in modo appropriato, implicando così una varietà di disturbi al microbioma. Abbiamo anche mostrato cambiamenti nel comportamento di ansia, paura, apprendimento, risposta allo stress, barriera emato-encefalica. Abbiamo riscontrato un deficit nel comportamento sociale “.

Negli ultimi dieci anni, la ricerca ha suggerito che il microbioma intestinale potrebbe potenzialmente essere tanto complesso e influente quanto i nostri geni quando si tratta della nostra salute e felicità. Oltre ad essere implicati in problemi di salute mentale,si pensa che il microbioma intestinale possa influire anche sul nostro atletismo, il peso, la funzione immunitaria, l’infiammazione, le allergie, il metabolismo e l’appetito.

La sfida sta nel determinare la causa e l’effetto di specifici batteri e nel tradurre i risultati in trattamenti. Questo non è facile. Giulia Enders, che ha scritto il bestseller internazionale Gut, dice: “Possiamo controllare le feci per i patogeni tipici che causerebbero diarrea o virus, ma non abbiamo idea di cosa stiano facendo tutti i batteri apparentemente normali.

In futuro

È un processo lungo e costoso per testare ogni ceppo in isolamento, così gli scienziati hanno iniziato con studi umani su piccola scala. Cryan ha testato il Lactobacillus rhamnosus, che aveva ridotto lo stress nei suoi topi, su 29 persone e non ha trovato alcun beneficio rispetto ad un placebo. Ma quando ha dato a 22 uomini sani un ceppo chiamato Bifidobacterium longum 1714 per quattro settimane, i soggetti hanno presentato livelli più bassi di ansia e ormone dello stress rispetto a prima, e hanno commesso meno errori nei test della memoria. Sembra che B longum 1714 potrebbe essere uno psicobiotico, anche se Cryan dice che sono necessari studi umani su scala più ampia.

Psicobiotici per la perdita di peso

La Enders pensa che sia solo una questione di tempo prima che gli integratori di batteri siano disponibili per sostenere la perdita di peso. I batteri associati alla magrezza e all’obesità sono già stati identificati:il comune Lactobacillus reuteri incrementa i livelli di leptina, un ormone che ti fa sentire sazio, mentre abbassa l’ormone della fame. I batteri potrebbero persino controllare i nostri appetiti, inviando amminoacidi al nostro cervello per innescare ricompense di dopamina e serotonina quando diamo loro un trattamento.

Nel suo libro, la Enders scrive che studi multipli “hanno dimostrato che i trasmettitori del segnale di sazietà aumentano considerevolmente quando mangiamo gli alimenti preferiti dai nostri batteri“.

Fonte
https://www.theguardian.com/lifeandstyle/2017/nov/06/microbiome-gut-health-digestive-system-genes-happiness