The nero,vino e mirtilli per limitare i danni dell’influenza

The nero,vino e mirtilli per limitare i danni dell’influenza

Un particolare microbo intestinale può combattere gravi danni polmonari da infezioni influenzali nei topi, probabilmente abbattendo composti naturali chiamati flavonoidi, comunemente presenti in alimenti come tè nero, vino rosso e mirtilli.

Per anni, i flavonoidi sono stati pensati per avere proprietà protettive che aiutano a regolare il sistema immunitario per combattere le infezioni“, dice il primo autore dello studio Ashley L. Steed, una pediatra a che cura i pazienti in terapia intensiva all’ospedale pediatrico St. Louis.

L’influenza: un problema da non sottovalutare

L’influenza, caratterizzata da febbre, tosse e dolori muscolari, è una comune e talvolta mortale infezione virale delle prime vie respiratorie. Gli adulti più anziani, le donne incinte, i bambini piccoli e le persone con problemi di salute cronici come l’asma e le malattie cardiache sono più inclini a gravi complicanze influenzali.

Dal 2004, una media di 113 bambini sono morti di influenza negli Stati Uniti ogni anno, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. In tutto il mondo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ci siano dai 250.000 ai 500.000 decessi correlati all’influenza all’anno.

Prove precedenti suggeriscono che il microbioma intestinale potrebbe essere importante nella protezione contro le infezioni gravi dell’influenza, quindi in questo studio i ricercatori hanno cercato di identificare quali microbi intestinali potrebbero fornire tale protezione. Inoltre, per anni, i nutrizionisti hanno esplorato potenziali benefici per la salute legati agli alimenti caricati con flavonoidi.

Non è solo una dieta ricca di flavonoidi, i nostri risultati mostrano che hai bisogno anche dei microbi giusti nell’intestino per usare quelle sostanze per controllare la risposta immunitaria“, dice l’autore senior dello studio, Thaddeus S. Stappenbeck, professore di patologia e immunologia.

Lo studio

Siamo stati in grado di identificare almeno un tipo di batteri che utilizza questi composti dietetici per aumentare l‘interferone, una molecola di segnalazione che aiuta la risposta immunitaria. Questo ha prevenuto il danno polmonare influenzale nei topi. È questo tipo di danno che spesso causa complicazioni significative come la polmonite nelle persone “, afferma Stappenbeck.

Come parte dello studio, i ricercatori hanno esaminato i microbi intestinali umani alla ricerca di quale potesse metabolizzare i flavonoidi. Stappenbeck e Steed hanno identificato uno di questi microbi che sospettavano potesse proteggere dal danno influenzale.

Il microbo, chiamato Clostridium orbiscindens, degrada i flavonoidi per produrre un metabolita che migliora la segnalazione dell’interferone.

Il metabolita è chiamato desaminotirosina, altrimenti noto come DAT“, dice Steed. “Quando davamo il DAT ai topi e poi li infettavamo con l’influenza, i topi subivano molto meno danni ai polmoni rispetto ai topi non trattati.”

È interessante notare che, sebbene i polmoni dei topi trattati con DAT non avessero il maggior danno influenzale, i loro livelli di infezione virale erano identici a quelli dei topi che non avevano ricevuto il trattamento.

Le infezioni erano sostanzialmente le stesse“, afferma Stappenbeck. “I microbi e il DAT non hanno impedito lo sviluppo dell’infezione influenzale ma il DAT ha impedito al sistema immunitario di danneggiare il tessuto polmonare. Ma con il DAT, potrebbe essere possibile evitare che le persone abbiano delle complicazioni se si infettano“, afferma Steed. “Questa strategia non ha come bersaglio il virus. Invece, prende di mira la risposta immunitaria al virus. Questo potrebbe essere prezioso perché il virus subisce continue mutazioni  i vaccini antinfluenzali annuali non sono sempre efficaci nel prevenire le infezioni”.

In futuro

I prossimi passi includono l’identificazione di altri microbi intestinali che potrebbero anche usare flavonoidi per influenzare il sistema immunitario, così come esplorare modi per aumentare i livelli di quei batteri “buoni” nelle persone il cui intestino non è adeguatamente colonizzato con quei microbi.

Mentre questi futuri studi sono pianificati, i ricercatori dicono che non sarebbe una cattiva idea bere un tè nero e mangiare cibi ricchi di flavonoidi prima che inizi la prossima stagione influenzale.

Fonti:
http://science.sciencemag.org/content/357/6350/49