Batteri intestinali: piccoli sensori della salute generale

0
218
Batteri intestinali: piccoli sensori della salute generale

Il numero di studi che hanno trovato un legame tra una malattia e una composizione specifica del microbioma intestinale sembra essere in costante aumento.

Fino a poco tempo fa, tuttavia, quasi tutti questi studi hanno esaminato singole malattie isolate. Tuttavia la maggior parte delle persone tende ad avere più di un problema di salute alla volta, nel linguaggio medico si dice “comorbidità”.

La composizione del microbioma intestinale in una serie di malattie, lo studio

Il recente studio, pubblicato su Nature Communications, ha studiato la composizione del microbioma intestinale in una serie di malattie. Ciò che è stato trovato è stata una sorpresa. Il tipo di microbi (come Enterobacteriaceae) che aumentava in una malattia, aumentava in quasi tutte le 38 malattie studiate. Inoltre alcuni microbi che potrebbero essere considerati “microbi intestinali sani” sono stati ridotti in tutte le 38 malattie studiate.

Dettagli dello studio 

Abbiamo utilizzato i dati della coorte TwinsUK, un gruppo unico di gemelli britannici più anziani che hanno condiviso la loro storia di salute e molti campioni biologici per oltre 25 anni.  Il 96% dei 2.700 che hanno donato campioni di feci ha uno o più problemi di salute.

La scoperta: microbi intestinali sono piccoli sensori della salute generale 

La scoperta più sorprendente dell’analisi è stata che i microbi non erano specifici per le singole malattie, ma piuttosto per lo stato di salute generale.

Da una prospettiva biologica, questo ha senso. L’ambiente che piace a ogni batterio è abbastanza specifico; tutto ciò che lo altera, anche leggermente, può ucciderlo.

L’infiammazione e il colon, un esempio 

Ad esempio, il colon è un ambiente sorprendentemente a basso tenore di ossigeno (anaerobico). Molte malattie portano ad una infiammazione di basso livello, il che significa che i piccoli vasi sanguigni si aprono e le cellule bianche si insinuano nei tessuti, compreso l’intestino. I globuli bianchi usano l’ossigeno come arma, quindi i livelli di ossigeno nel colon aumentano. Questo può essere tossico per i normali batteri intestinali, che si sono evoluti per condizioni strettamente anaerobiche. Un esempio è il batterio buono Faecalibacteria Prausnitsii che viene spazzato via in presenza di quasi tutte le malattie.

I batteri buoni contribuiscono ad essere in salute?

L’effetto a catena sulla perdita di questi microbi buoni sulla salute di una persona non è ancora noto. Possono semplicemente essere indicatori di buona salute, oppure possono contribuire attivamente alla buona salute. Se si dovesse scoprire che contribuiscono ad essere in salute, i medici dovranno intervenire all’inizio del processo di malattia per mantenere vivi i batteri buoni. Ciò potrebbe comportare l’assunzione di prebiotici (cibo per  i batteri buoni) e probiotici.

Nel futuro

In futuro, i ricercatori potrebbero persino trovare un modo per isolare i batteri dell’intestino sano e farli crescere al di fuori dell’intestino. Una volta cresciuti abbastanza, potrebbero essere reintrodotti nell’intestino per migliorare la tua salute. Una combinazione personalizzata di batteri intestinali sani potrebbe avere più probabilità di sopravvivere nell’intestino rispetto a un impianto casuale di batteri buoni.

Cura nella comunità

Una famiglia di batteri che è aumentata in tutte le malattie che sono state esaminate era Enterobacteriaceae. Questi batteri sono adatti a sopravvivere in ambienti con più ossigeno rispetto al colon normale e includono batteri, come E. coli, che possono fare ammalare. Ospitano anche un numero elevato di geni resistenti agli antibiotici.

I batteri possono trasmettere geni speciali tra loro (trasferimento genico orizzontale) per sopravvivere ad un attacco di antibiotici. Quindi, se si dovesse scoprire che i batteri che trasportano questi geni si trovano anche in persone con più malattie, questo potrebbe fare la differenza nel modo in cui vengono fornite assistenza sicura ed efficace per i pazienti.

Le conclusioni 

I risultati suggeriscono che tutti noi possiamo beneficiare dei batteri che sono all’interno del nostro intestino. Nello specifico suggerisce due cose.

  • I batteri sono buoni sensori della nostra salute generale. Quindi, in futuro, potremmo prendere in considerazione la possibilità di un test per monitorare la nostra salute.
  • Si potrebbe fare un censimento regolare dei batteri dentro di noi, specialmente quelli associati ai geni resistenti agli antibiotici. La scienza è ancora agli inizi, ma in futuro si potrebbe essere in grado di aiutare a preservare gli antibiotici per quando ne abbiamo davvero bisogno.
Fonti:
https://www.nature.com/articles/s41467-018-05184-7.epdf?author_access_token=vyaB5zj3rPnjQJz0Mb90QdRgN0jAjWel9jnR3ZoTv0NzP0a2ZNJkHDDpUjRe05udowtm27XmCaNY1_fwm9Kfj2wm5kCy9jHmbq15aY7iJfdslJdX_OXVEi6WePczHZxxrjvBAgjjW4D8oZhPedE1Og%3D%3D