I batteri intestinali che producono alcol possono causare danni al fegato

0
316
I batteri intestinali che producono alcol possono causare danni al fegato

La malattia del fegato grasso non alcolica (NAFLD) è causata da un particolare microbo nell’intestino e non dipende dall’alcol assunto.

Un gruppo di ricerca in Cina ha scoperto che i batteri intestinali che producono alcol potrebbero causare danni al fegato anche nelle persone che non bevono.

Circa un quarto della popolazione adulta a livello globale è affetto da NAFLD, che è caratterizzato dall’accumulo di grasso nel fegato che può compromettere la funzionalità epatica.

La causa precisa del NAFLD era oscura, ma gli scienziati guidati dal professor Yuan Jing del Capital Institute of Pediatrics, Cina, hanno scoperto che è associato a batteri che risiedono nell’intestino. Yuan e il suo team hanno scoperto il legame tra i batteri intestinali e il NAFLD quando hanno incontrato un paziente con gravi danni al fegato e una rara condizione chiamata sindrome dell’auto-birrificio o meglio conosciuta come sindrome della fermentazione intestinale  (ABS). I pazienti con ABS si “ubriacherebbero” dopo aver mangiato cibi senza alcool e ricchi di zuccheri. La condizione è stata associata al lievito, che può produrre alcol nell’intestino e portare a intossicazione. 

Analizzando i campioni fecali del paziente, il team ha scoperto che diversi ceppi di batteri Klebsiella pneumoniae nell’intestino producevano alti livelli di alcol. Inoltre, il team ha campionato il microbiota intestinale da 43 pazienti NAFLD e 48 persone sane. Hanno scoperto che circa il 60% dei pazienti con NAFLD presentava ceppi di K. pneumoniae che producevano livelli medio-alti di alcol nell’intestino. Solo il sei percento dei “sani” aveva questi ceppi. 

I ricercatori hanno quindi nutrito topi, privi di batteri , con K. pneumoniae per tre mesi. 

Questi topi hanno iniziato a sviluppare fegato grasso dopo il primo mese

Al secondo mese, i loro fegati mostravano segni di cicatrici, il che significa che si era verificato un danno epatico a lungo termine. La progressione della malattia epatica in questi topi era paragonabile a quella dei topi nutriti con alcool. Quando il team ha somministrato ai topi nutriti con batteri un antibiotico che ha ucciso i K. pneumoniae, le condizioni dei topi sono state invertite. “Il nostro studio dimostra che i K. pneumoniae danneggiano il tuo fegato proprio come l’alcol. Non è noto il motivo per cui alcune persone abbiano un ceppo di K. pneumoniae che produca alcol nell’intestino mentre altri no”. Tuttavia, i ricercatori hanno notato che i loro risultati potrebbero aiutare a diagnosticare e trattare la NAFLD correlata ai batteri. “Nelle prime fasi, la malattia del fegato grasso è reversibile. Se riusciamo a identificare la causa tempestivamente, potremmo trattare e persino prevenire danni al fegato “, ha detto Yuan.

Fonti:

https://linkinghub.elsevier.com/retrieve/pii/S1550413119304474

https://www.cell.com/about