L’aiuto dei batteri intestinali per rallentare il processo di invecchiamento

0
279
L’aiuto dei batteri intestinali per rallentare il processo di invecchiamento

Rallentare il processo di invecchiamento in futuro potrà essere possibile con l’assunzione di integratori derivati dai batteri intestinali.

Questo è ciò che è emerso dallo studio degli scienziati del Baylor College of Medicine e dell’Università del Texas Health Science Center di Houston, che hanno identificato i geni ed i composti batterici che allungano la vita e rallentano la progressione dei tumori e l’accumulo di beta-amiloide, un composto associato alla malattia di Alzheimer. Lo studio è pubblicato sulla rivista Cell.

La domanda: la composizione genetica del microbioma è importante per la longevità?

“La comunità scientifica è sempre più consapevole che le interazioni del nostro corpo con i milioni di microbi nei nostri organismi, il cosiddetto microbioma, possono influenzare molte delle nostre funzioni, come le attività cognitive, metaboliche e l’invecchiamento“, ha affermato l’autore Meng Wang, professore di genetica molecolare e umana a Baylor e al centro di Huffington sull’invecchiamento. “In questo lavoro abbiamo studiato se anche la composizione genetica del microbioma possa essere importante per la longevità”.

Come studiare la connessione tra i geni batterici e l’invecchiamento?

I ricercatori hanno fatto esperimenti sul verme nematode C. elegans, spesso utllizzato nella ricerca biologia per le sue caratteristiche.

“Pensiamo che C. elegans sia un sistema meraviglioso per studiare la connessione tra i geni batterici e l’invecchiamento, perché possiamo ottimizzare la genetica dei microbi e testare molti geni nel verme in un tempo relativamente breve“, ha detto Wang.

Testare migliaia di geni

Per studiare l’effetto dei singoli geni batterici sulla durata di vita di C. elegans, Wang e il Dottor Christophe Herman, professore di genetica molecolare e umana e virologia molecolare e microbiologia a Baylor, hanno utilizzato i batteri E. coli. Dei quasi 4.000 geni batterici che sono stati testati, 29, una volta eliminati, aumentavano la durata della vita dei vermi. Dodici di questi mutanti batterici proteggeva anche i vermi dalla crescita del tumore e dell’accumulo di beta-amiloide, una caratteristica della malattia di Alzheimer negli esseri umani.”

I risultati

Ulteriori esperimenti hanno mostrato che alcuni mutanti batterici hanno aumentato la longevità del verme, agendo su alcuni dei processi collegati all’invecchiamento. Altri mutanti hanno incoraggiato la longevità producendo l’acido polisaccaridico colanico. Quando gli scienziati hanno fornito acido colanico purificato ai C. elegans, i vermi vivevano anche più a lungo. I ricercatori suggeriscono che, in base a questi risultati, potrebbe essere possibile in futuro progettare preparati di batteri o loro composti che potrebbero aiutare a rallentare il processo di invecchiamento.

Le considerazioni

È interessante notare che gli scienziati hanno scoperto che l’acido colanico regola la dinamica di fusione e fissione dei mitocondri, le strutture che forniscono l’energia per le funzioni della cellula.

“Questi risultati sono anche interessanti e hanno implicazioni dal punto di vista biologico”, ha detto Wang. “I mitocondri sembrano essersi evoluti dai batteri che milioni di anni fa entravano nelle cellule primitive. La nostra ricerca suggerisce che i prodotti dei batteri oggi possono ancora trionfare nella comunicazione tra mitocondri nelle nostre cellule. Pensiamo che questo tipo di comunicazione sia molto importante e con questo studio abbiamo fornito le prime prove di ciò. La piena comprensione della comunicazione tra microbi e mitocondri può aiutarci a capire ad un livello più profondo le interazioni tra i microbi ed i loro ospiti.”

 

Fonti:

https://www.bcm.edu/news/molecular-and-human-genetics/gut-bacteria-slow-aging

http://www.cell.com/cell/fulltext/S0092-8674(17)30627-X?_returnURL=http%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS009286741730627X%3Fshowall%3Dtrue