Microbioma cutaneo perturbato: può promuovere l’infiammazione ed essere “contagioso”

0
321
Microbioma cutaneo perturbato: può promuovere l'infiammazione ed essere “contagioso”

Anche nelle persone sane, la pelle ospita una quantità di batteri, funghi e virus. Diverse ricerche suggeriscono che questa comunità, conosciuta collettivamente come microbioma della pelle, svolge un ruolo importante nella guarigione, nelle allergie, nelle reazioni infiammatorie e nella protezione dalle infezioni.

In un nuovo studio, i ricercatori dell’Università della Pennsylvania hanno dimostrato che non solo l’infezione con il parassita Leishmania altera il microbioma cutaneo dei topi colpiti, ma questa comunità microbica modificata può essere trasmessa anche ai topi non infetti che condividono una gabbia con quelli infetti.

I risultati

I topi con il microbioma perturbato, o la disbiosi, avevano aumentato le risposte infiammatorie e le malattie più gravi quando sono state infettate dal Leishmania. I risultati sono pubblicati nella rivista Cell Host & Microbe.

Le considerazioni

“A mio avviso, questo è il primo caso che dimostra che un microbioma cutaneo preesistente può influenzare l’esito di un’infezione o di una malattia”, ha dichiarato Elizabeth Grice, autore e assistente professore nei dipartimenti della dermatologia e microbiologia presso la scuola di medicina di Perelman di Penn. “Questo apre la porta a molte altre vie di ricerca.”

Inoltre, quando i ricercatori hanno esaminato campioni da pazienti umani Leishmania, hanno trovato modelli simili di disbiosi come nei topi infetti: questo è un suggerimento che i risultati possono estendersi anche alle persone.

La scoperta

La trasmissione della disbiosi nella pelle da un animale all’altro è una scoperta fondamentale“, ha dichiarato Phillip Scott, professore di immunologia presso il Dipartimento di Pathobiology della Penn School of Veterinary Medicine e autore dello studio. “E il fatto che abbiamo visto modelli simili di disbiosi negli esseri umani suggerisce che ci potrebbero essere alcune implicazioni molto pratiche del nostro lavoro quando si tratta di curare le persone con leishmaniosi“.

La leishmaniosi cutanea: cos’è?

La leishmaniosi cutanea è una malattia tropicale causata da un parassita e trasmessa attraverso la puntura di una mosca della sabbia. La malattia di può diventare a volte grave e deturpante. Non esiste un vaccino ed i farmaci disponibili sono limitati e spesso non riescono a fornire una cura completa.

Lo studio

Incuriositi dell’influenza del microbioma cutaneo sulla malattia, il team di Penn ha tamponato la pelle di 44 pazienti di Leishmania, analizzando il microbiota non solo nelle loro lesioni ma anche della zona intorno. Hanno notato che i campioni di lesione contenevano meno diversità batterica rispetto ai campioni di altri siti cutanei. Ma non tutti erano uguali, c’erano infatti tre distinti tipi di comunità: uno dominato da Staphylococcus, uno di Streptococcus e uno che è stato mischiato.

I risultati

Per ottenere un quadro più chiaro di come questi mutamenti microbiologici erano connessi alla malattia, i ricercatori si sono rivolti a un modello di topi di infezione da Leishmania. La squadra ha scoperto che l’infezione con il parassita di Leishmania ha indotto un cambiamento nel microbiota della pelle nei topi. Hanno anche trovato un’associazione tra il tipo di comunità microbiota e la gravità della malattia.  Nei topi che finalmente hanno risolto le loro infezioni, Staphylococcus dominava nelle lesioni, mentre Streptococcus era la specie dominante nelle lesioni sui topi con una forma persistente e severa della malattia.

Un’importante scoperta è stata che questi cambiamenti nella flora batterica erano trasmissibili non solo ad altre parti dello stesso topo, ma anche attraverso compagni di gabbia. Quando hanno tenuto i topi infetti da Leishmania nella stessa gabbia di topi non infetti per sei settimane, i topi non infetti hanno acquisito un “profilo” microbiomico della pelle perturbato che somigliava a quello degli infetti.

Nel futuro

“Penso che un importante passo successivo sarà vedere se questa condivisione di microbiota si verifica nelle persone e se questo potrebbe essere un fattore che influenza la gravità delle infezioni nell’uomo”, ha detto Grice.

Inoltre i ricercatori sperano di esaminare se la condivisione di una disbiosi si verifica in altre infezioni e se l’alterazione risultante nel microbiota della pelle influenzi processi come la guarigione delle ferite.

Infine si vuole determinare se vi sia una connessione tra il tipo di microbioma cutaneo presente nelle lesioni di Leishmania e la gravità della malattia o la risposta al trattamento.

Se è vero, “questo può farci ripensare il ruolo degli antibiotici nel trattamento della leishmaniosi”, ha detto Scott.

Sono dunque necessarie ulteriori ricerche sui microbi che aggravano l’infiammazione che potranno portare a terapie più personalizzate per attenuare le lesioni cutanee.

 

Fonti:

https://news.upenn.edu/news/perturbed-skin-microbiome-can-be-contagious-and-promote-inflammation-penn-study-finds

http://www.cell.com/cell-host-microbe/fulltext/S1931-3128(17)30246-9?_returnURL=http%3A%2F%2Flinkinghub.elsevier.com%2Fretrieve%2Fpii%2FS1931312817302469%3Fshowall%3Dtrue