Non ignorare le tue reazioni intestinali, dice la scienza

0
397
Non ignorare le tue reazioni intestinali, dice la scienza

Il nervo che collega il cervello al nostro intestino ha una potente influenza sul nostro comportamento. Ecco lo studio che affronta la questione.

Il legame tra intestino e cervello 

Quando si tratta di comprendere i nostri stati d’animo e le risposte emotive, il nostro cervello è solitamente il primo posto in cui iniziamo a scavare.

Tuttavia un neuroscienziato della Florida State University pensa che manchi il quadro generale, sostenendo che il nervo che collega il cervello al nostro intestino abbia una potente influenza sul nostro comportamento. E per questo dobbiamo prestare attenzione.

La complicata relazione a due vie 

Si sospetta da oltre un secolo che le diverse interazioni metaboliche, ormonali e immunologiche del sistema digestivo abbiano una complicata relazione a due vie con le parti emotive del nostro sistema nervoso centrale. Ecco ciò che dichiara Linda Rinaman, l’autrice della recensione recentemente pubblicata sulla biologia delle reazioni intestinali.

Persino le origini della metà del 20 ° secolo di termini come “reazione istintiva” e “sensazione istintiva” hanno le loro radici nelle sensazioni viscerali che “si gonfiano” quando ci sentiamo emotivi.

Il modo in cui i due sistemi si relazionano l’uno con l’altro, tuttavia, si è rivelato difficile da separare.

L’asse intestino-cervello 

Il tratto gastro-intestinale ha circa 100 volte la superficie della nostra pelle esterna e richiede molta attenzione dal sistema nervoso.

Per gestirlo, i segnali corrono avanti e indietro lungo un nervo che passa da un organo all’altro attraverso il corpo.

Chiamato nervo vago – che sta per “vagabondaggio” – si tratta di una “autostrada” di segnalazione nervosa che monitora ogni cosa, dalla digestione alla frequenza cardiaca, alle risposte ormonali alle funzioni immunitarie.

Mentre è chiaro che c’è una conversazione abbastanza impegnativa in corso su questa linea telefonica interna, c’è ancora qualche discussione su quanto l’intestino influenzi il nostro processo decisionale.

Lo studio

Linda Rinaman e il collega James Maniscalco dell’Università dell’Illinois di Chicago, sostengono che i segnali del nostro tratto gastrointestinale possono mettere i freni sui comportamenti gratificanti per rafforzare le azioni che ci portano ad evitare certe situazioni.

Questo ha senso nella maggior parte dei modelli animali.

Sappiamo che le vie intestinali del cervello sono molto simili tra le specie di mammiferi – dal topo all’uomo“, dice Rinaman, suggerendo che abbiamo pochi motivi per concludere che simili pregiudizi non  guidino dolcemente le nostre stesse azioni.

A differenza dei topi, tuttavia, gli esseri umani sono considerati un pò più complessi dal punto di vista cerebrale, con la capacità di applicare la ragione e la comunicazione interpersonale per valutare le minacce.

Se il nostro intestino influenza il nostro processo decisionale, sapere esattamente dove si ferma l’influenza dell’intestino e iniziare i processi cognitivi è importante.

Il microbioma intestinale influenza la nostra salute 

Negli ultimi anni abbiamo scoperto quanto l’ecosistema dei microbi intestinale potrebbe influenzare direttamente la nostra salute e il benessere mentale.

Non solo sembrano avere il potenziale per dare il via a condizioni neurologiche come il morbo di Parkinson o addirittura l’autismo, la loro costituzione potrebbe essere giocare anche con i nostri stati emotivi e cognitivi.

Come fare ad avere un microbioma sano?

Le prove dimostrano che modificare la dieta, magari consumando probiotici, può influire sul tuo umore e sullo stato comportamentale“, conclude Rinaman.

Fonti:
https://www.physiology.org/doi/10.1152/physiol.00036.2017