Una nuova connessione tra depressione e salute intestinale

Una nuova connessione tra depressione e salute intestinale

Per molti anni si è discusso a fondo sulla connessione tra il microbiota intestinale e il sistema nervoso centrale. Esiste una connessione profonda che permette al cervello e all’intestino, per molti conosciuto come il “secondo cervello”, di comunicare tra loro sia per via nervosa che per via chimica.

In questa linea di pensiero, un nuovo studio pubblicato a maggio 2019 sulla rivista scientifica Gastroenterology ha messo in evidenza un’associazione tra sintomi depressivi e costipazione e di come i bassi livelli di serotonina siano probabilmente alla base di questo stretto legame. 

Inoltre, questa connessione potrebbe trasformarsi in uno strumento essenziale per suggerire cambiamenti nello stile di vita e sviluppare una terapia mirata per migliorare contemporaneamente entrambe le condizioni.

Il legame tra depressione e salute intestinale

La serotonina è comunemente considerata il neurotrasmettitore della felicità perché è essenziale per mantenere il buon umore. Tuttavia, non è sintetizzata solo dal cervello. Le cellule intestinali sintetizzano una grande quantità di serotonina e questa sostanza è essenziale anche per regolare i movimenti intestinali. Infatti, la serotonina è anche nota per essere indispensabile per la normale funzione peristaltica dell’intestino e per promuovere un transito intestinale sano. I risultati dello studio mostrano che una carenza nei livelli di serotonina influisce sul rivestimento dell’intestino e riduce la motilità intestinale, mostrando cambiamenti intestinali simili rispetto a quelli riscontrati nelle persone che soffrono di costipazione.

Lo studio

Dopo aver trattato i topi con un precursore della serotonina chiamato 5-idrossitriptofano , questi topi adulti hanno aumentato il numero di neuroni nell’intestino. Pertanto, la serotonina risulta fondamentale, non solo nel cervello ma anche per migliorare la salute dell’intestino, ed è quindi importante per migliorare problematiche legate sia alla depressione che alla costipazione.

Cosa fare per migliorare l’intestino ed uscire dalla depressione? 

  • Mangiare cibi ricchi del precursore della serotonina, il Triptofano: uovo, pollo, tacchino, latticini e verdure a foglia verde.
  • Chiedere al farmacista un buon integratore di Tirosina, un integratore alimentare che promuove la sintesi di serotonina nel cervello e nell’intestino
  • Fare un uso programmato di Probiotici come Lactobacillus acidophilus, L. casei, and Bifidobacterium bifidum, che aumenterebbero la produzione di Triptofano libero
  • Una buona qualità del sonno
  • Un esercizio fisico sano e un’attività anti stress possono aiutare a ridurre ansia e depressione. Avere il controllo delle proprie azioni permette di raggiungere gli obiettivi prescelti. Coach yourself, allenati ad avere il controllo della tua giornata. 

Autore:

Mirko Bandera


Farmacista e Naturopata.

Fonti:

Israelyan, N., Del Colle, A., Li, Z., Park, Y., Xing, A., Jacobsen, JP, … & Rahim, R. (2019). Effetti della serotonina e del 5-HTP a rilascio lento sulla motilità gastrointestinale in un modello murino di depressione. Gastroenterologia . 

Alabsi , A., Khoudary , AC e Abdelwahed , W. (2016). L’effetto antidepressivo delle nanoparticelle caricate con L-tirosina: aspetti comportamentali. Annals of neurosciences , 23 (2), 89-99.  

Neumeister , A. (2003). Esaurimento del triptofano, serotonina e depressione: a che punto siamo ? Bollettino di psicofarmacologia , 37 (4), 99-115.  

Dash, S., Clarke, G., Berk, M., & Jacka , FN (2015). Il microbioma intestinale e la dieta in psichiatria: attenzione alla depressione. Opinione attuale in psichiatria , 28 (1), 1-6.  

Abdrabou , AM, Osman, EY e Aboubakr , OA (2018). Studio comparativo di efficacia terapeutica di probiotici lattobacilli e citalopram nel trattamento della depressione acuta indotta da stress nei modelli murini di laboratorio. Diario del microbioma umano , 10 , 33-36.